Tartufo e UNESCO, la Provincia di Asti festeggia la storica iscrizione

Published on 16 December 2021 • Agricoltura , Comunicati stampa

Il presidente della Provincia di Asti, Paolo Lanfranco, commenta con entusiasmo l'iscrizione della "Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali" nella lista UNESCO del Patrimonio culturale immateriale, ufficializzata giovedì 16 dicembre 2021.

"Questo riconoscimento - spiega Lanfranco - riveste un enorme valore per l'Astigiano; contribuisce a far crescere la consapevolezza delle potenzialità e delle eccellenze della terra in cui viviamo e del grande lavoro ancora da fare insieme per coglierle. E soprattutto mette al centro dell'economia legata al tartufo quei territori dove il tartufo c'è davvero e viene raccolto. Al tempo stesso ci impone una grande responsabilità: quella di tutelare il patrimonio arboreo, la biodiversità e, in generale, l'ambiente, con azioni concrete e immediate".

Il Presidente ha seguito, in presenza ad Alba, l'ufficializzazione giunta da parte dell'UNESCO.

Una notizia straordinaria per l'Italia ed in particolare per il nostro territorio, da cui è nata la candidatura, dove la presenza dei tartufai è da sempre sinonimo di storia, cultura e tradizione.

Per l'Astigiano è un altro sogno che s'avvera dopo l'iscrizione dei Paesaggi vitivinicoli di Langhe Roero-Monferrato del 2014.


Canditura tartufo unesco (1)
In foto, da sinistra: Paolo Lanfranco (presidente della Provincia di Asti), Carlo Bo (sindaco di Alba), Antonio Degiacomi (presidente del Centro Nazionale Studi Tartufo) e Giuliano Viglione (Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo)

Canditura tartufo unesco (3)

Canditura tartufo unesco (4)