Regione Piemonte

Procedura ordinaria - Art. 208

Last update 14 November 2017

Il regime c.d "ordinario" è normato dagli artt. 208 e ss del D.Lgs 152/2006, che, in sintesi, prevedono un procedimento autorizzatorio, per nuovi impianti, per il rinnovo delle autorizzazioni in essere o per modifica all'impianto, la presentazione di apposita istanza, relativa al progetto definitivo di impianto o della modifica impiantistica progettata, e la documentazione tecnica prevista per la realizzazione del progetto dalle norme in materia urbanistica, ambientale, di salute e sicurezza sul lavoro e di igiene pubblica.

L'autorizzazione, che ha durata di 10 anni, individua le condizioni e le prescrizioni necessarie alla conduzione dell'impianto ed alla corretta attività di recupero rifiuti e contiene almeno i seguenti elementi:

  1. i tipi ed i quantitativi di rifiuti da smaltire o da recuperare;
  2. i requisiti tecnici con particolare riferimento alla compatibilità del sito, alle attrezzature utilizzate, ai tipi ed ai quantitativi massimi di rifiuti ed alla conformità dell'impianto al progetto approvato;
  3. le precauzioni da prendere in materia di sicurezza ed igiene ambientale;
  4. la localizzazione dell'impianto da autorizzare;
  5. il metodo di trattamento e di recupero;
  6. le prescrizioni per le operazioni di messa in sicurezza, chiusura dell'impianto e ripristino del sito;
  7. le garanzie finanziarie richieste, che devono essere prestate solo al momento dell'avvio effettivo dell'esercizio dell'impianto; a tal fine, le garanzie finanziarie per la gestione della discarica, anche per la fase successiva alla sua chiusura, dovranno essere prestate conformemente a quanto disposto dall'articolo 14 del D.Lgs 36/2006;
  8. la data di scadenza dell'autorizzazione, in conformità con quanto previsto al comma 12;
  9. i limiti di emissione in atmosfera per i processi di trattamento termico dei rifiuti, anche accompagnati da recupero energetico.

Sono soggetti ad autorizzazione ordinaria anche gli impianti mobili di smaltimento e recupero rifiuti, il cui titolare o conduttore dovrà provvedere ad inoltrare apposita istanza di campagna per ogni singola attività di recupero o smaltimento rifiuti (cantiere).

La domanda di autorizzazione deve essere presentata, ai sensi dell'art. 2 del D.P.R. 160/2010, allo SUAP COMPETENTE PER TERRITORIO [trova il tuo sportello] utilizzando la modulistica presente in allegato.